È pari in casa del Certosa

Pareggia la Vecchia e di fatto, la tiene in vita solo la matematica visti i sette punti da recuperare, saluta alla possibilità dei playoff. Vincono le prime tre della classe Pomezia, Pfc e W3 e per i due posti a disposizione se la vedranno tra loro. Gara equilibrata con la Vecchia che parte forte, almeno due le occasioni per passare, poi vengono fuori i locali che alla prima vera sortita in avanti segnano. Il Civitavecchia nella ripresa sente fin troppo le fatiche, parte in sordina per poi riagguantare il pari a quindici dalla fine. Ultimi minuti scoppiettanti, le due squadre hanno un’ occasione a testa per segnare ma i due portieri riescono a tenere. 

GARA Mischia un po le carte mister Castagnari, la stanchezza accumulata negli ultimi due mesi, sommando le condizioni del campo di domenica, non proprio l’ideale dopo due mesi di gare ogni tre giorni, fanno sedere in panchina Cerroni e Gaglairdi mentre Scaccia torna tra i convocati, dopo il malessere febbrile che lo ha colpito negli ultimi giorni. L’undici iniziale vede Scaccia tra i pali mentre sulla linea difensiva si piazzano Funari, Serpieri, Fatarella e Mancini. Nella mezzeria di centrocampo La Rosa, Proietti e Luciani di supporto a Bersaglia, Ruggiero e Pippi. Il Certosa invece ha bisogno dell’ultimo tassello, dopo un ottimo campionato per essere salvo senza passare dai play out ha bisogno di punti, a partire dalle gare casalinghe. Sul campo a contrastare l’undici di Castagnari c’è Marini tra i pali, poi in rigoroso numero di maglia Selvaggio, Santoro, Di Ventura, Losi, Tartaglione, Ferri, Bernardi, Cupellini, Ilari e Ciriachi.  La Vecchia parte con ottime intenzioni, va vicino al gol con Luciani dopo pochi minuti dall’inizio della gara e continua su quella strada per larga pare del primo tempo. Mancherà un soffio a Funari e Bersaglia nel vedere la sfera insaccarsi nei minuti successivi. Il Certosa comunque c’è e al trentanovesimo passa , con Ferri che raccoglie un lancio in profondità per superare, a tu per tu, l’estremo difensore Scaccia. La ripresa è altra cosa, la fluidità manca e per vedere la prima occasione bisognerà aspettare Pippi, con la conclusione respinta da un difensore. La Vecchia riapre le sue speranze alla mezz’ora, punizione di La Rosa con Serpeiri che di testa supera Marini. È tutto riaperto ora e sarà un finale ricco di occasioni da una parte e dall’altra. Inizia la Vecchia con Ruggiero, l’assist è di Panico, mentre dall’altra parte prima Ferri e poi sulla respinta Gallaccio, a cercare di scardinare la porta avversaria. Finisce sull’uno a uno con un pari sostanzialmente giusto per quanto visto in campo. 

26a giornata Eccellenza Lazio girone A

Certosa 1 vs Civitavecchia Calcio 1920 1

Marcatori 39’pt Ferri e 28’st Serpieri 

Arbitro Iudicone di Formia 

Ammonizioni La Rosa Bernardi Ciriachi 
Certosa Marini Selvaggio Santoro Di Ventura Losi Tartaglione Ferri Bernardi Cupellini Ilari Ciriachi A disp. Mosconi Cerbara Amici Iorio Cesarei Morgante Tursi Gallaccio Fravolini 
Civitavecchia Calcio 1920: Scaccia, Funari, Mancini Proietti, Serpieri Fatarella, La Rosa Gagliardi Luciani (35’pt Gaglairdi) Bersaglia (15’st Cerroni) Ruggiero, Pippi (25’st Panico) A disp. D’Angelo,Imperiale, Liberati, Caforio, Istrate, Cerroni, Gagliardi Panico, All. M.Castagnari 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.